IMU

Imposta municipale propria – IMU

 

Dal primo gennaio 2014, con l’art. 1, comma 639, della Legge n. 147 del 27 dicembre 2013, è istituita la IUC (Imposta Unica Comunale).

La IUC si compone di:

IMU – Imposta municipale propria, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali;

TASI – tributo per i servizi indivisibili, a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile;

TARI – tassa sui rifiuti, destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.

 

L’art. 13 del D.L. 6/12/2011, n.201, convertito dalla legge 22/12/2011, n. 214, ha istituito l’imposta municipale propria (IMU) prevista dall’art. 8 del D.Lgs 14/03/2011, n. 23. L’IMU, sostituisce l’imposta comunale sugli immobili (ICI), per la componente immobiliare. Il comma 703 dell’art. 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013 stabilisce che l’istituzione della IUC lascia salva la disciplina per l’applicazione dell’IMU.

 

Soggetti passivi dell’imposta municipale propria sono il proprietario di immobili, incluse le aree edificabili, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi.

L’imposta municipale propria, dall’anno 2014, non si applica al possesso dell’abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, per le quali continuano ad applicarsi l’aliquota e la detrazione deliberati.

Si pubblica la delibera di Giunta Comunale n. 25 del 30/04/2016 ad oggetto: “Determinazione dei valori venali per le aree fabbricabili e  base imponibile ai fini dell’imposta municipale propria (I.M.U.) – anno 2016”. Si precisa comunque che tali valori sono di mero riferimento, deliberati al fine di fornire un supporto al contribuente nella determinazione della base imponibile, rimanendo sempre fermo il principio dettato dall’art. 5, co mma 5, del D. Lgs. 504/92, in base al quale il valore da considerare per il calcolo dell’IMU è il valore di mercato del terreno edificabile.

L’IMU si versa con modello F24 ovvero con apposito bollettino postale.

Il versamento deve essere effettuato in due rate di pari importo con scadenza semestrale. L’acconto va versato entro il 16 giugno e il saldo entro il 16 dicembre.

Eventuale versamento in un’unica soluzione va eseguito entro il 16 giugno.

Per l’anno 2017 sono confermate le aliquote deliberate dal Consiglio Comunale per l’anno 2015.

Documentazione scaricabile: